» » Paolino Canzoneri - Multiverso

Paolino Canzoneri - Multiverso mp3 album

Paolino Canzoneri - Multiverso mp3 album Performer: Paolino Canzoneri
Album: Multiverso
Released: 2010
Style: Experimental, Ambient
Size MP3: 1501 mb.
Size FLAC: 1488 mb.
Rating: 4.3/5
Votes: 991
Other Formats: MP1 ADX AA MOD FLAC MP4 WAV



Paolino Canzoneri is an italian non musician. In 2011 and 2013 he founded two netlabels: Nostress Netlabel and batenim netlabel with different releases as digital Albums and CDs. His primary interest is managing his netlabels and releasing albums rather than doing concerts or performances.

Paolino Canzoneri - Topic. Play now. Multiverso Ending. by Paolino Canzoneri - Topic. Simple But Chemical.

Paolino Canzoneri è uno sperimentatore di suoni elettronici. Il suo approccio musicale si basa su alchimie e atmosfere oniriche, ambient, intrecci di suoni, rumori e loop ritmici; elettronica sperimentale, minimalista, suoni digitali, analogici talvolta atonali e claustrofobici di ispirazione mitteleuropea. Cryogenic Dispersal (with Maurizio Bianchi, . Parabola Discendente . Approfondimento e Sviluppo.

full condensed blue highlight denotes album pick.

Digital and analogical electronic avant-garde of mitteleuropean inspiration.

Paolino Canzoneri - Multiverso Ending, 04:00, . MB download mp3 full version here. Artist: Paolino Canzoneri. Download Paolino Canzoneri - Multiverso Ending. Multiverso: Best 2 songs.

If the country is all over the burial culture, Palermo falls in degree zero, an underworld from which it's clear as it's impossibile to return, and not only for genetic inability of programmatic "experts", but also and especially for a local malpractice, an anthropological tare that reveals, on one side of the spectrum the absence of impulses, and on the other.

By Paolino Canzoneri. 3. Quel Cielo Cosi Bianco. Listen to Multiverso in full in the this site app. Play on this site. 2010 Paolino Canzoneri.

Tracklist

1 Multiverso 6:09
2 Ascent 2:58
3 Quel Cielo Cosi Bianco 6:42
4 Il Fedele Kniep 6:21
5 Il Profondo Silenzio Che Segue Alle Risate 4:45
6 Nervenimplosion 4:41
7 Lunar Time A, Lunar Time B 6:13
8 Spazieren...go Spazieren 6:01
9 Autoctono 2:58
10 Simple But Chemical 4:33
11 Multiverso Ending 4:00
12 Fra Mauro 5:25
13 Terraferma 4:55

Notes

Chi fa da sé fa per tre: così recita un celeberrimo proverbio, che mai come nel caso di Paolino Canzoneri corrisponde a verità. L’artista palermitano ha fatto tutto da solo: ha composto, prodotto e suonato tutta la musica di Multiverso e ha curato persino l’artwork del booklet, dove ogni brano è rappresentato da una foto, da lui scattata e scelta. Un’Artista con la a maiuscola, quindi, che ha alle spalle una vita dedicata alla musica: nato nel 1966, suona la batteria in alcune rock band locali, e nel 1991, interessatosi al panorama electro europeo (verosimilmente a quello tedesco dei Kraftwerk e del krautrock), abbandona i lidi rock per addentrarsi definitivamente nel mondo dei synth e dei campionamenti. Multiverso, registrato nel 2009 e uscito nel 2010, è il coronamento di un lungo percorso nel quale Paolino ha saputo affrontare molteplici esperienze e costruirsi una forte identità musicale, in cui l’equilibrio tra evidenti influenze (l’elettronica europea, come detto, di Kraftwerk, Tangerine Dream, Roedelius, Klaus Schulze) e originale personalità è sorprendente. Da programmatore informatico e appassionato di musica, Paolino si dedica anima e corpo alla strumentazione elettronica, non disdegnando la sperimentazione e restando contemporaneamente al passo coi tempi e ben ancorato al panorama elettronico di trent’anni fa. Qua e là notiamo anche influenze del conterraneo Franco Battiato, quello dei primi dischi, di Foetus o di L’Egitto Prima Delle Sabbie: a chi legge sarà chiara, se conosce i lavori e gli artisti citati, l’impronta onirica, ambient e talvolta spaziale della musica di Paolino. Il palermitano fonde trip-hop, glitch, electro e ambient con sapiente passione e intelligenza, riuscendo a mantenere l’attenzione dell’ascoltatore al disco anche grazie a melodie ben sviluppate.Ogni brano del disco è un viaggio attraverso la mente di chi l’ha scritto e suonato, che vi condurrà per paesaggi desolati, ambienti intimi e caldi, e proiezioni retro-futuriste. Per questo un track-by-track è quanto mai fuori luogo, in quanto l’album deve essere ascoltato e apprezzato in tutta la sua interezza. Ogni vero amante dell’elettronica, quella autentica di matrice ‘70-’80, dovrebbe volgere la propria attenzione a Paolino, un artista vero e proprio nel firmamento della musica italiana che porta nel cuore la rivoluzione mitteleuropea inaugurata molti anni orsono da un tale Karlheinz Stockhausen.